Rewilding and tracking - Intervista sulla metodologia CyberTracker

Chi è Georg Messerer?

 

 

After qualifying as a Trails Guide in Southern Africa, Georg developed a passion for wildlife conservation and rewilding. He spent 3,5 years in a small community in Romania, working together with Rewilding Europe, European Safari Company and WWF-Romania on a large-scale European Bison rewilding project, with a focus on the ecotourism development accompanying the bison reintroductions. Now currently studying Biodiversity and Ecology back in a university in Germany, Georg can not wait to get his hands on practical rewilding work again.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rewilding and tracking

 

Quando penso alla Natura, ci sono due parole che accendono sia la mia immaginazione che l’entusiasmo: Rewilding e Tracking.

 

Secondo me il tracciamento implica molto più che andare nel bosco vicino e cercare di interpretare e riconoscere ogni singola impronta che incontro lungo il cammino. Piuttosto, aiuta a rivelare storie che mi riguardano in quell’istante. È altresì un costante processo di sviluppo che non si limita alla natura o alle abilità legate alla natura, ma fornisce uno sfogo di energia che ispira l’evoluzione personale. È una delle abilità più importanti per qualsiasi naturalista avere e personalmente mi aiuta a godere della natura con un livello più profondo.

 

In combinazione con il birdwatching, un po' di botanica e una buona dose di pazienza, è meravigliosamente gratificante. Un piccolo diamante nella tasca di qualsiasi naturalista, se preferisci.

Sì, noi tracciatori (tracker) passiamo un sacco di tempo a inginocchiarci sul terreno delle foreste, guadando fino al ginocchio attraverso il fango o l'acqua e abbassandoci sotto arbusti e spine. Raccogliendo resti di pasti passati in escrementi o eccitandoci con escrementi freschi. Forse non è così affascinante o brillantemente scintillante un'attività da confrontare con i diamanti, ma comunque preziosa!

Ho avuto la fortuna di fare il mio primo esame secondo la metodologia CyberTracker in Sud Africa con Colin Patrick e Adriaan Louw, mentre mi stavo formando per diventare una guida professionale per nel 2012. E ci sono due domande in questo esame che ricordo molto chiaramente. Uno era una traccia di uno gnu che era entrato nella sabbia più profonda, ammucchiato sul lato di una strada. Sbagliai la risposta, pensando fosse una zebra e non assicurandomi di avere ragione. Durante l’esame c'erano molte cose che non avevo mai visto prima, a molte delle quali perciò diedi una risposta sbagliata. Ma quell’impronta mi ha infastidito, perché pensavo di poter capire la differenza tra i due animali. Mi sono concentrato troppo sulla domanda nel cerchio e non sul contesto. Un errore classico. C'erano tracce più chiare sulla strada e dopo il mucchio di sabbia un po' più lontano dalla scatola, che avrebbero potuto darmi le informazioni pertinenti. Ma non ho guardato. Tutto ciò che sembrava rilevante per me era dentro la scatola. Questa è stata la prima volta che mi hanno reso consapevole di fare questo tipo di errore e attraverso l’esame è diventata una cosa molto chiara su cui avrei potuto lavorare.

 

La seconda traccia in realtà era più di un segno. Adriaan e Colin decisero improvvisamente di andare in un cespuglio sul ciglio della strada. E molto presto, dovevamo seguire e pensare alla nostra risposta. Uno ad uno. Un mucchio di sabbia accanto a un buco poco profondo con grandi segni di artigli. E in più c'erano alcuni escrementi dall'aspetto strano. Escrementi di oritteropo! Quella fu la prima volta che li ho visti ed ero elettrizzato. Ma ciò che mi ha stupito in egual misura, è stato il fatto che i due esaminatori si sono diretti verso il mucchio con tanta sicurezza che hanno semplicemente messo le mani dentro e cercato gli escrementi sottostanti. Potrebbe essere stato solo un altro punto di scavo comune di un oritteropo ... Come facevano a saperlo? Questo senso di conoscenza e percezione dell’ambiente circostante mi ha davvero ispirato.

 

E questo è ciò che vorrei fare riguardo il tracciamento. Non è necessariamente il numero di tracce che puoi identificare in un’esame o durante un’escursione, ma quanto familiare risulta l’ambiente. E il tracciamento è assolutamente fondamentale per prendere familiarità con la tua area. Dall'altro lato, l’esame CyberTracker è fondamentale per sviluppare ulteriormente le tue capacità di tracciamento. Sì, sei stato valutato su quante tracce conosci durante l’esame, ed è un test. Ma questo ti mostra solo ciò con cui stai ancora lottando e ciò su cui devi concentrarti per migliorarti. La curva di apprendimento durante un’esame Cybertracker è ripida e molto divertente!

Quando sono tornato in Germania dal Sud Africa dopo esperienze fantastiche, cercai qualcosa di simile nelle nostre foreste locali.

 

Volevo immergermi nella zona e imparare. Perdersi in essa per un momento e sentirla. Comprendere le abitudini e i richiami della natura selvaggia, conoscere i luoghi chiave ricchi di attività ed scoperte avvenimenti insoliti, ecc. E mentre ho avuto alcuni momenti belli, ero abbastanza deluso in generale. C’erano segni di gestione e intervento umano ovunque guardassi. Sia la piantagione ordinata delle foreste e gli alberi onnipresenti, la falciatura dell'erba con grandi macchinari e tappeti di campi agricoli, le abbondanti pelli di caccia, i sentieri incolti delle foreste e dei suoni umani nelle vicinanze, in contrasto con il triste silenzio della Fauna. L'elenco potrebbe continuare. Ma quello che mi ha infastidito di più è stata l'evidente mancanza di animali e di quei processi naturali che desideravo conoscere. Era una sensazione prevalente di natura repressa ed è ancora molto evidente. Anche le restanti specie che sono abbastanza fortunate da essere tollerate, sono difficilmente visibili e difficili da osservare.

Il processo di rewilding è riuscito a colmare questa lacuna di disillusione e frustrazione con speranza e motivazione. Ha dato al movimento di conservazione una visione fondamentale e spero che diventi il principio fondamentale della conservazione della natura in Europa, come in una certa misura lo sta già diventando.

 

Nel 2015 sono andato in Romania per apprendere riguardo il processo di rewilding e provare a contribuire al progetto di reintroduzione dei bisonti iniziato nel 2014. Ho finito per rimanere per 3 anni e mezzo nella comunità locale di Armeniş. E questa esperienza mi ha dato molto, ma principalmente mi ha ispirato. È emozionante vedere le specie scomparse tornare in un'area e osservare i piccoli cambiamenti che si verificano nel tempo, sapendo che i processi naturali perduti hanno la possibilità di riconnettersi e influenzarsi reciprocamente. Dare alle specie esistenti o perse quali uccelli migratori e stanziali, insetti, fiori selvatici, rettili e anfibi, la possibilità di tornare da soli e partecipare ai processi evolutivi. Ma ci dà anche la possibilità di ricollegare e migliorare la nostra relazione con tutti questi eventi. Ad un punto in cui possiamo ancora una volta immergerci nella natura selvaggia, imparare da essa e trarne ispirazione.

 

Per me il processo di rewilding rappresenta un nuovo contrasto rispetto al bisogno di gratificazione istantanea di un progetto di conservazione e di un successo immediatamente misurabile. Troppo spesso, le azioni di conservazione vengono eseguite a breve termine e troppo rapidamente. Reattivo, se vuoi, a seconda di quali problemi siano caldi al momento. Seguendo questo modello reattivo, le organizzazioni per la conservazione, fin troppo spesso finiscono in una situazione conflittuale l'una con l'altra. Invece di lavorare insieme, competono per l'immagine pubblica, i finanziamenti e le adesioni per affrontare il prossimo nuovo problema. Questo processo di rewilding m’infonde speranza in questo rispetto. Spero di abbandonare la frammentazione dell'organizzazione e la confusione degli sforzi per uno sforzo più unificato da parte di tutti gli ambientalisti in un particolare contesto, seguendo un’unica direzione.

Siccome la visione è fondamentalmente basata sulla gestione naturale piuttosto che sulla gestione umana, significa che l'esito degli sforzi potrebbero essere piuttosto imprevedibili. Ma questo non è un risultato negativo. L'imprevedibilità della natura non dovrebbe sembrare estranea a noi o minacciosa. È questa imprevedibilità che dovrebbe essere cruciale per le aree naturali selvagge; ricollegare e ristabilire i processi naturali principali dovrebbe essere un obiettivo comune degli conservazionisti, specialmente in Europa.

 

La speranza nel tracciamento viene sotto forma di esperienze e ispirazione frustranti. Penso che il modo di ragionare che viene sviluppato e praticato durante il tracciamento (tracking) e l’inseguimento (trailing) abbia un grande valore per il rewilding e quindi è importante connettere i due. Soprattutto la consapevolezza della situazione che può essere raggiunta è vitale ed intesa come base per il lavoro. La volontà di sviluppare te stesso e stabilire una relazione con la tua zona, compresa la fauna locale e la comunità umana, è la chiave per questo lavoro. L'onestà necessariamente aiuta a rimanere in pista e consente lo sviluppo. Ma semplicemente la gioia appagante di essere sensibile e avere un sentimento per la tua area è piacevolmente gratificante, indipendentemente dalla tua occupazione e dal tuo carico di lavoro.

 

Non vedo l'ora di vedere come si svilupperà il rewilding in Europa e come il tracciamento e il sistema CyberTracker svolgeranno un ruolo in questo sforzo, come sono convinto che lo farà.


 

Traduzione e adattamento: Carmelinda Giannone e Toni Romani

 

Links:

European Safari company

Rewilding Europe

WWF Romania

 

 

 

 

 

Testo originale:

 

When it comes to nature there are two words that ignite both my imagination and enthusiasm and give me hope: rewilding and tracking.

Tracking to me implies more than just walking into my nearby forest and trying to identify every single track and sign that comes across my path. Rather, it helps unlock stories that are relevant to me in that moment. It is also a constant process of development that does not just limit itself to nature or any skills connected to nature, but provides an outlet of energy that really inspires personal development. It is one of the most important skills for any naturalist to have and personally helps me enjoy nature on a profounder level.

In combination with birding, a little botany and a good deal of patience, it is wonderfully rewarding. A little diamond in the pocket of any naturalist, if you like.

Yes, we trackers do spend a whole lot of time kneeling on forest floors or paths, wading knee-deep through mud or water and ducking below shrubs and thorns. Picking out remnants of past-meals in scat and dung or getting excited about fresh droppings. Perhaps not as glamorous or brilliantly sparkling an activity to compare to diamonds, but valuable nonetheless!

I was lucky enough to do my first Cybertracker evaluation in South Africa with Colin Patrick and Adriaan Louw, while training to become a professional wilderness trails guide in 2012. And there are two track and sign questions from this evaluation that I remember very clearly. One was a track of a wildebeest that had stepped into deeper sand, piled up on the side of a road. I got it wrong, thinking it was a zebra and not making sure that I was right. During the evaluation there were many things I had not seen before, many of which I got wrong. But this track bothered me, as I thought I could tell the difference between the two animals. I focused too much on the question in the circle and not the context. A classic mistake. There were clearer tracks on the road and after the pile of sand a little further from the box, that could have given me the relevant information. But I did not look. All that seemed relevant to me was inside the box. This was the first time I was made conscious of making this sort of mistake and through the evaluation it became a very clear thing that I could work on.

The second track actually was more of a sign. Adriaan and Colin suddenly decided to go into a bush on the side of the road. And very soon, we were to follow and think about our answer. One by one. A pile of sand next to a shallow hole with large claw marks. And on top of that were a few strange looking droppings. Aardvark droppings! This was the first time I saw them and I was thrilled. But what amazed me to an equal degree, was the fact that the two evaluators honed in on the pile with such confidence that they just stuck their hands in it and dug out the underlying droppings. It could have been just another common digging spot of an aardvark... How did they know? This sense of understanding and feel of their surrounding really inspired me.

And this is the point I would like to make about tracking. It is not necessarily about how many tracks you can identify in an evaluation or out in the field, but how familiar you are with your environment. And tracking is absolutely key in familiarizing yourself with your area. The Cybertracker evaluation on the other hand is key in developing your tracking skills further. Yes, you are scored on how many tracks you know in the evaluation and it is a test. But this really only shows you what you are still struggling with and what you need to focus on to develop. The learning curve during a Cybertracker evaluation is steep and very enjoyable!

When I got back to Germany from Southern Africa after many fantastic moments and experiences, I was looking for something similar in our local forests.

I wanted to dive into to the local area and get to know it. Get lost in it for a moment and get a feeling for it. Understand the habits and calls of the resident wildlife, get to know the hot spots of activity and get excited about the unusual findings etc. And while I did have some beautiful moments, I was quite disillusioned at large. Signs of human management and intervention wherever I looked. Be it the ordered planting of forests and the ubiquitous marked trees, the mowing of grass with large machinery and carpets of agricultural fields, the plentiful hunting hides, the criss-crossed forest paths and the omnipresence of sounds from humans in the vicinity, contrasted with the sad silence of wildlife. The list could go on. But what upset me most was the obvious lack of animals and natural processes I was so keen to get to know. An overriding feeling of suppressed nature was and still is very obvious. Even the remaining species that are lucky enough to be tolerated, are hardly to be seen and difficult to observe.

Rewilding has managed to bridge that gap for me of disillusionment and frustration with hope and motivation. It has given the conservation movement a fundamental vision and I hope it will prove to become the organising principle of nature conservation in Europe, as it already is becoming to some degree.

In 2015 I went to Romania to learn about rewilding and try and contribute to the bison rewilding project started in 2014. I ended up staying for 3,5 years in the local community, Armeniș. And this time gave me a lot, but mainly inspired me. It is thrilling to see missing species return to an area and observe the small changes that happen over time. Knowing that lost natural processes have a chance to reconnect and influence one another again. Giving existing or lost species such as migrating and resident birds and insects, wildflowers, reptiles and amphibians a chance to return on their own accord and join in on the evolving processes. But it also gives us a chance to reconnect and improve our relationship with all these happenings. To a point where we once again can immerse ourselves in wild nature, learn from it and be inspired by it.

To me rewilding represents a refreshing contrast to the need of instant gratification of a conservation project and immediate measurable success. All too often, conservation actions are done on a short term scale and too quick. Reactive, if you like, depending on what issues are hot at the moment. Following this reactive pattern, conservation organisations far too often end up in a conflictual situation with one another. Instead of working together they compete for public image, funding and memberships to tackle the next new problem. Rewilding, too, instills in me hope in this respect. Hope to move away from the fragmentation of organisation and confusion of efforts to a more unified effort by all conservationists in one particular context, moving into one direction.

As the vision is fundamentally based on natural management rather than human management, it means that the outcome of the efforts may be quite unpredictable. But this is not a negative result. The unpredictability of nature should not sound alien to us or threatening. It is this unpredictability that should be central to wild natural areas and reconnecting and reestablishing the relevant natural processes should be a common goal of conservationists, especially in Europe.

Hope from tracking comes to me in the form of humbling experiences and inspiration. I think that the mindset that is developed and practiced during tracking and trailing has great value for rewilding and so it is important to connect the two. Especially the situational awareness that can be achieved is vital as a basis for the work. The willingness to develop yourself and establish a relationship with your local area, including the local wildlife and human community, is key for this work. The honesty necessary helps to stay on track and allows for development to take place. But simply the fulfilling joy of being sensitive and having a feeling for your area is refreshingly uplifting and rewarding, no matter what your occupation and work load is.

I am really looking forward to the way rewilding will unfold in Europe and to see how tracking and the Cybertracker system will play a role in this endeavour, as I am convinced it will.

 

 

 

Links:

European Safari company

Rewilding Europe

WWF Romania

Please reload

Featured Posts

Cos'è CyberTracker software spiegato in 5 minuti

March 30, 2016

1/1
Please reload

Recent Posts